Kung Fu

kungfu1L’espressione cinese Kung Fu indica al contempo il grado di perfezione raggiunto in un’attività, e il tempo e l’energia che sono stati necessari per raggiungere tale abilità.
Le origini del Kung Fu cinese vengono fatte risalire a più di 3000 anni fa. In questo lasso di tempo si sono sviluppati centinaia di stili di Kung Fu. I Maestri sono concordi nel riunirli sotto 4 Quan (pugno, abilità o Kung Fu): SHAOLIN QUAN, XING YI QUAN, BA GUA ZHANG, TAIJI QUAN.
Inizialmente si distinguono in WEI JIA o stili esterni e NEI JIA o stili interni , eliminando le differenze ai livelli piu’ alti.
I wei jia nascono nel Monastero Buddista di Siu lam o Shaolin durante il regno dell’imperatore Wu (502-549). Lo Shaolin Quan del Nord e del Sud nasce prima di tutti gli altri stili di Kung Fu e può vantare una storia di circa 3000 anni. Il praticante si esercita nella corretta esecuzione delle posizioni da combattimento e utilizza posizioni veloci, dure in cui rientrano anche tecniche di salto, ma attribuisce poca importanza allo sviluppo dell’aspetto mentale e spirituale.
Se non ci fosse stato lo Shaolin e le arti marziali esterne non si sarebbero sviluppati gli stili più interni. Lo sviluppo del Kung Fu progredisce infatti da una forma più primitiva di esercizio della forza esteriore ad una forma più elevata in cui l’esercizio privilegia il pensiero e l’energia più interna. Dallo Shaolin derivano gli altri stili di Kung Fu.
I nei jia derivano da una fusione tra lo Shaolin e il QI GONG che è una tecnica psicofisica nella quale si coltiva l’aspetto meditativo del pensiero all’interno di sé, per favorire una corretta circolazione dell’energia e migliorare la propria salute.
Tra gli stili interni più famosi si ricordano lo XING YI QUAN, il BA GUA ZHANG e il TAIJI QUAN .

PROGRAMMA KUNG FU

Seguendo un programma di studio a vari livelli, con conseguenti esami, la scuola affronta un percorso di crescita attraverso le basi e i principi tecnici di alcuni metodi del Kung Fu di Shaolin (integrando già dall’inizio il lavoro interno taoista), ed in successione gli stili: Xing Yi Quan e Pa Kua Chang, abbinando se interessati, attraverso un corso parallelo lo studio del Taiji Quan. Il programma segue in oltre, un percorso storico e culturale, affinché il praticante della nostra scuola possa apprendere e sviluppare, concetti e abilità, che lo condurranno nel tempo a grandi risultati sia marziali che terapeutici.

TANG LANG

tanglangLo stile Tang Lang o Mantide Religiosa è uno dei diversi stili di Kung Fu proveniente da Shaolin.
La matrice di questo stile è attribuita al monaco Wong Long, un patriota dello Shantung giunto a Shaolin di Honan per imparare il Kung Fu. Questo fu l’inizio di una ricerca che si concluse, dopo aver visitato e incontrato vari maestri di Shaolin perfezionando la sua tecnica, con la creazione di questo stile.
Si narra che Wong Long abbia preso spunto osservando il combattimento tra una mantide religiosa contro una cavalletta e abbia abbinato in seguito il movimento di gambe della scimmia a quello fulmineo delle braccia della mantide.
Da allora si sono formate diverse scuole; ma ciò che è importante sono i principi di questo stile racchiusi principalmente nella forma “Bong Bo” (“Passo Stampato”), considerata l’unica insegnata direttamente da Wong Long. Lo studio della “Bong Bo”, insieme ai principi fondamentali del Tang Lang, segnerà il passaggio dal Kung Fu di Shaolin dei primi livelli ai metodi (o stili) Xing Yi Quan e Pa Kua Chang.

FUORI PROGRAMMA

Come Fuori Programma e attraverso stage o seminari, c’è la possibilità di poter studiare (oltre le armi tradizionali) lo stile “Wing Chun”. Un metodo di Kung Fu appartenente alla famiglia dello “Shaolin”. Per chi frequenta il programma della scuola, può integrare lo studio della “Gung Gee Fok Fu Kuen”, una forma madre di “Hung Gar”, nella quale sono racchiusi principi, tecniche di lotta e “Qi Gong” che richiamano nella loro essenzialità l’origine di svariati metodi di Kung Fu.

HUNG GAR

hunggarTra le varie storie che si tramandano sull’ Hung gar, una delle più attendibili è quella in cui si racconta che derivi dal monaco e Abate del Tempio Shaolin Gee Sin Sim See. Fuggito e scampato alla distruzione del tempio Shaolin del Nord, si rifugiò, insieme ad altri sopravvissuti, nel Tempio del Sud di Fukien.
Il tempio del Nord era diventato il nascondiglio di molti rivoluzionari Ming che volevano rovesciare il governo dei Ch’ in , per Questo motivo venne incendiato.
Si salvarono cinque monaci esperti nel Kung Fu dei cinque animali tra i quali Gee Sin Sim See esperto dello stile della tigre e la monaca Wu Mui esperta nello stile della gru dal quale deriverà il Wing Chun.
Lo stile della tigre venne tramandato al meglio ad un allievo di nome Hung Hee Gung che completò lo stile e lo tramandò con il nome di Hung Gar.
La forma “Gung Gee Fok Fu Kuen” (“La forza che addomestica la tigre”) è quella che si narra fu insegnata direttamente dal monaco Gee Sin Sim See.

WING CHUN

wingchunPer quanto riguarda il Wing Chun, una delle storie più divulgate narra che la monaca Wu Mui, esperta nello stile della gru, avesse incontrato per caso, mentre faceva compere in una bottega, una ragazza di nome Yim Wing Chun.
La monaca ascoltando le disavventure della giovane, oppressa da un ricco mercante che voleva sposarla con la forza, decise di insegnarle il suo Kung Fu.
Praticando di nascosto il Kung Fu, la ragazza divenne presto molto abile riuscendo a difendersi e a far cambiare idea al prepotente.
Da allora questo stile di Kung Fu è stato tramandato con il suo nome: Wing Chun.

Un’altra versione meno conosciuta, racconta che questo stile di kung fu era praticato nel tempio shaolin in una piccola stanza per sviluppare un abilita’ nel combattimento soprattutto nei piccoli spazi.

KUNG FU PER BAMBINI E RAGAZZI

La pratica del Kung Fu per i più piccoli tende soprattutto, oltre alla difesa personale, a sviluppare elasticità, coordinazione motoria, concentrazione e compostezza posturale.
Tutto ciò svilupperà quelle che sono le vere basi per uno studio più approfondito del Kung Fu e non solo.

kungfubambini1  kungfubambini3

Share on Facebook158Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Commenti chiusi